mercoledì 9 settembre 2009

Gioie della gravidanza

Per Fujiko la gravidanza è stata una traversata tutt'altro che piacevole. Lo dice ora, in modo catartico, ora che, finalmente, si è liberata dai sensi di colpa che tale affermazione comporta.


Ignorava che, una volta che quella benedetta, agognata linea rosa fosse comparsa, automaticamente tutte le amiche, la zia, la bisnonna e la tabaccaia si sarebbero trasformate in ginecologhe-ostetriche esperte. Non sapeva che all'annuncio della gravidanza tutte si sarebbero sentite autorizzate a dispensare consigli non richiesti, diagnosi meticolose o previsioni inerenti il sesso del nascituro.


Approssimazioni assoluamente prive di senso (che però DEVI accogliere con benevolenza) del tipo: se hai la pancia a punta è un maschio, se hai i brufoli è una femmina, se dormi a destra è maschio, se ti prude il piede è femmina, se sei nervosa (fate voi!!) è un alieno.


Quando hai avuto una di quelle giornate in cui ti si è fermata la macchina, ti hanno bocciato ad un esame, il cancello automatico è entrato in sciopero e il telefono è scarico, ed arrivi incazzata come un bufalo, ti guardano con aria di giubilo sospirando: "non ti preoccupare tesoro, sono gli ormoni". Ormoni un cazzo, sono proprio incazzata!


E poi ragazze diciamocelo, TUTTE, ma proprio tutte hanno il ginecologo-la ginecologa più brava del mondo tranne tu. Il loro specialista è bravo, simpatico, diagnosta eccellente, all'avanguardia con le apparecchiature ecografiche. E ti bombardano di domande: hai già fatto l'ecografia? E l'amniocentesi? E il bi-test? La plica nucale?


A nulla vale spiegare loro che hai fatto il test ieri e che ancora devi comunicarlo al medico, perchè il loro ginecologo per telepatia aveva intuito l'esito e già sapeva dirti con precisione se era maschio o femmina. Il loro medico aveva rilevato il battito cardiaco già al ventesimo giorno di gestazione. Non importa sottolineare loro che il cuore a venti giorni ancora non si è formato, perchè lui lo aveva già percepito.


Altra nota dolente: in gravidanza DEVI essere felice. Non importa se la nausea ti attanaglia giorno e notte, se vomiti quindici volte al giorno, se per evitare il ricovero devi ricorrere a flebo giornaliere, se in bocca l'unico sapore che avverti è quello di nutria in decomposizione. No, perchè uno dei tabù più grossi per la nostra società è ammettere che non sempre la gestaizione è questo momento idilliaco, non per tutte almeno.


Questo non significa che non avverti il miracolo della nuova vita che arriva, semplicemnte, almeno nel mio caso, che vorresti vivere una gravidanza serena senza avvertire la necessità di strapparti lo stomaco e venderlo al miglior offerente.


Vorresti che, quando ti vedono dimagrita di sei chili in tre mesi a furia di vomitare ed il tuo colore del viso vira dal bianco al verde bile, qualcuno avesse la delicatezza di evitare di dirti: "come sei bella, non sei ingrassata proprio per niente" per quel modello femminile che oggi ti vuole magra e tonica anche al nono mese di gravidanza che fa tanto Nina Moric.


 


16 commenti:

  1. La mia e' stata veramente una gravidanza bellissima ma quando mi incazzavo e davano tutti la colpa agli ormoni ,sollevandosi cosi dalle loro responsabilita' di essere irritanti, beh allora non ci vedevo piu' !!!! In pratica era sempre colpa mia e dei miei ormoni ...ho odiato parecchia gente in quel periodo !!!!

    Mommyinprogress

    RispondiElimina
  2. Nei mie primi tre mesi di gravidanza ero la persona più apatica del mondo. Per niente entusiasta, anche se quel bambino l'avevo cercato e anche se non avevo disturbi. Difficile spiegare il perché. Poi mi è passata...ma sì, ma sì, saranno stati questi benedetti ormoni!

    RispondiElimina
  3. Concordo al 100%.

    Anche la mia gravidanza non è stata super serena...anzi, non lo è stata quasi per niente!

    RispondiElimina
  4. ...per quanto riguarda le diagnosi la prossima volta ti faccio parlare con mia madre........vedrai..... tutti gli altri cosigli medici ti sembreranno acqua di rose.... forza ary

    RispondiElimina
  5. @mommyinprogress: 'sti benedetti ormoni, hanno sempre tutte le colpe...

    @pilly: nemmeno tu facevi i salti di gioia vedo!

    @4 mi sa che devo fare due chiacchiere con tua madre...e non trattarmela male...

    RispondiElimina
  6. SilviaSacchetti9 settembre 2009 14:59

    Meno male che ci siamo incontrate ora perchè in gravidanza mi avresti odiato! :D

    Comunque, in caso...io ho una ginecologa adorabile! :DDDD

    RispondiElimina
  7. Oddio, quanto è vera questa cosa che il tuo ginecologo, in confronto a quelli altrui, è sempre considerato un mezzo mentecatto...almeno mia suocera la pensava così. Ma pensava -e lo pensa anche oggi, eh- che io fossi una mentecatta tutta intera, quindi direi che c'era coerenza nella scelta ;)

    RispondiElimina
  8. @Silvia: intendiamoci, le amiche in attesa odiano pure me, mica mi esimo dal dispensare consigli inutili! Dal momento che studio medicina, le impavide, me li chiedono proprio!!


    @julalla: va bè, ma la suocera non fa testo...per quanto possa essere odiosa!

    RispondiElimina
  9. come non darti ragione! ho vissuto ogni attimo della mia gravidanza con l'ansia di non dover incontrare qualcuno che, guardandomi in faccia, mi esponesse le sue teorie sulla pupilla dilatata (è ovvio che sarà femmina) e sui miei umori ballerini (al secondo mese ero in pieno trasloco, nuova città, nuova casa in pratica un casino totale)...

    Bhè oggi mi sento meno sola, qualcuno che, come me, senza sensi di colpa non ha vissuto molto bene alcuni mesi in cui tutti ti dicono " stai atraversando il periodo più bello, beata te"!

    Per non parlare della sensazione di essere una balena con le gambe e braccia!

    Ma dopo tutto....tornerei indietro nel tempo a rivivere tutto di quei nove mesi!

    RispondiElimina
  10. Io detestavo quelle che dopo qualche minuto di conversazione iniziavano a descrivere nei minimi dettagli parti terribili e travagli interminabili...

    Ciao!

    RispondiElimina
  11. ahahah, ma che blog carino. Adesso mi leggo le "puntate" precedenti. ;-)

    Clara

    RispondiElimina
  12. Come ti capisco....quando mi sono resa conto di poter andare in giro solo con i pantaloni della tuta ho un avuto un tracollo psicologico. E alcuni dei miei jeans skinny ancora si chiudono male...ma d altronde ero una taglia 38, ora sono una 40, e durante la gravidanza ero......una taglia Platinette

    RispondiElimina
  13. Scusa, ma da quando hai partorito? No perchè se prima tutti ti incontrano e fanno pronostici, dopo ti danno consigli su come allattare, quando e perchè. E poi ti dicono che devi mangiare meglio perchè è per quello che il bimbo non cresce un chilo al mese. Poi gli farebbe bene questo, quello......Non so se hai capito ma anche io odio le persone che sanno tutto loro!!!

    E come non darti ragione sui primi mesi di gravidanza? Io sto finendo il terzo e dopo un ricovero ospedaliero, 10 giorni a letto, nausee e mal di stomaco tremendi (per fortuna però non vomito!), ho solo voglia che il tempo passi velocemnete. La prima gravidanza infatti dopo è stata una passeggiata!!! La speranza è l'ultima a morire

    RispondiElimina
  14. Il mio cucciolo ha 18 mesi. Praticamente non l'ho mai allattato perchè non si attaccava e strillava come un matto. Dopo aver partorito ti assicuro che non ho ascoltato il consiglio di nessuno! Ho fatto di testa mia e tutto è andato bene..

    RispondiElimina
  15. Che bel post, che mi ha fatto tornare alla mente alcuni momenti della mia gravidanza n°2, quella che, dopo il primo parto, avevo giurato non ci sarebbe mai stata...
    E invece, fortemente voluta, ero finalmente di nuovo incinta quattro anni esatti dopo. Con una gravidanza non proprio da manuale e con l'aggravante di un'anziana vicina di appartamento che diventò la mia ginecologa in seconda.
    Avevo perfino timore di incontrarla, uscendo di casa, perché il più delle volte aveva qualche osservazione da fare e tutte sul negativo, ovviamente.
    Una volta la pancia era "bassa", un'altra avevo il viso sofferente ecc.ecc.ecc, tanto che quando Federico fu nato, mi disse candidamente: Signora, io per mesi ho creduto che non portasse a termine la gravidanza..."
    Tié, tié, tié...

    RispondiElimina