lunedì 30 gennaio 2012

Metti una sera a cena

Casa Fujiko durante una cena.
"Ahmm amore, mangia la pappa, senti come e' buona!" (un minuto di raccoglimento per il rincoglionimento materno).
Il micrognomo sporge la testa per vedere il postino Pat. Lo so, lo so, non dite niente. L'ho sentita anche io tata Francesca dire a Verissimo, trasmissione socio-educativa, che i bambini non devono mangiare davanti alla tv.
Ma noi, che amiamo vivere pericolosamente, incuranti di allevare dei futuri tiranni sociopatici, sfanculiamo i suoi consigli e, all'ora di cena, ci godiamo la visione del postino più idiota della tv. Santa Rai Yoyo, comunque, eh!
"Tesoro bello, ancora un cucchiaio!"
"..lale..mamma!"
"Come amore? Vuoi bere?"
"No!! ...lale..mamma!"
"La mamma non ha capito!"
"Non pallale semple mamma".
Non c'è che dire: il micrognomo a diciotto mesi dà le sue soddisfazioni materne.
Il prossimo che mi dice che il mestiere di mamma è il più gratificante gli ficco in gola un digitale terrestre, con buona pace di tata Francesca.

domenica 15 gennaio 2012

Sensi di colpa

Questa sera dopo 270 "no" del piccolo gnomo Fujiko ha urlato, sbraitato minacciato e puntato il dito indice in tono intimidatorio.
Non è fiera, perdere la pazienza, non è mai onorevole, specialmente con uno gnomo di tre anni.
Dopo aver fatto pace, prima di addormentarsi, il piccolo gnomo le dice: "mamma non mi piace quando ti arrabbi".
"Neppure a me tesoro, ma ogni tanto capita".
"Sai perchè non mi piace?"
"No. Perchè?"
"Perchè quando sei arrabbiata io sono solo, anche se sei qui mi sembra di dormire da solo".
Tesoro se hai un macete e lo vuoi piantare qui tra le scapole, fai pure
"Sei dispiaciuta mamma?"
"Un pò tesoro, ma ora passa, dormi sereno io sono qua".
Per affogare i sensi di colpa sto trangugiando un ovetto Kinder. L'ho fregato dalla calza della Befana.
Lo so, sono una madre di merda.

martedì 3 gennaio 2012

Quando la mamma è fuori

video 


Metti una sera che la mamma esce con le sue amiche per una pizza dopo circa quattrocento anni di reclusione forzata.
Metti che quella mamma sia un attimo in apprensione, la libertà può avere effetti collaterali pericolosi se non viene usata a piccole dosi.
Metti che dopo un paio d'ore in cui sei rilassata ti arriva un messaggio così con scritto: "stai tranquilla mamma, noi qui ci divertiamo".
Inutile dire che il boccone di pizza è ancora qui tra l'esofago e il cardias.