venerdì 16 ottobre 2009

S.O.S. cercasi Estivill

Banditi i problemi di sonno, addormentamento, risvegli, lettone, lettino, Fujiko gradirebbe molto sapere se esiste un equivalente nazista per la pappa.
Il piccolo gnomo ed il cibo non sono compatibili. Fatta eccezione per il "tatti", ovvero il latte, al quale ci prostriamo ogni giorno per averci salvato dall'anoressia, tutti gli altri alimenti non oltrepassano la soglia dell'indifferenza.
Voglio dire, abbiamo seguito tutto alla lettera: il nano ha sempre mangiato nel suo seggiolone, pochi giochi ed intrattenimenti vari durante il pasto, gli abbiamo proposto un po' tutti i cibi, non abbiamo insistito quando si rifiutava, calma e relax quando non aveva fame...
E allora perchè ci troviamo questa girandola impazzita che rifiuta ostinatamente quasi tutto? Fujiko molla i remi, ed ammette sconsolata che l'unico modo per fargli ingurgitare un po' di cibo è quello di darglielo in piedi.
Già me la vedo la faccia di tata Lucia...lo so che leggendo questt'ultima affermazione rischia un ictus, ma vi giuro che le abbiamo provate tutte!
Farlo piangere non serve, insistere ancora meno, mandarlo a letto senza cena significa premiarlo...AIUTO!!!
Estivill se ci sei batti un colpo, ti prego, inventa un altro libricino, un metodo terribile ma efficace per farlo mangiare!  Che ne so, legarlo al seggiolone e fargli la danza della pappa, la tortura del solletico, prendere in ostaggio Thinky Winky e rialsciarlo solo dopo aver finito le tagliatelle, quello che vuoi, siamo pronti.
Cos'è quell'ombra oscura nel vostro sguardo? Vi vedo, toglietevi quel ghigno sadico da suocera...il problema non è la mia cucina, chiaro?

20 commenti:

  1. non so l'autore, ma so che esiste un libricino intitolato "fate la pappa!"... sarà che estivll ha battuto quel famoso colpo?
    kikka

    RispondiElimina
  2. Sì, l'ho visto anche io e prima o poi mi deciderò a comprarlo!

    RispondiElimina
  3. Santo cielo come ti capisco! Oltre ad essere insonne mio figlio era anche cronicamente inappetente. Poi si è aggiustato anche quello, senza alcun particolare intervento da parte mia.
    Gli è venuto sonno, gli è venuta fame. Punto e basta, quello è il segreto.
    In attesa del miracolo, le ho provate tutte per farlo dormire e mangiare a costo di far venire un colpo secco a Tata Lucia e alle sue scagnozze.
    Non servono tecniche particolari, solo pazienza, inventiva e sedativi ( per la mamma e il papà, ovviamente) in attesa di tempi migliori.
    Coraggio, ti assicuro che i miracoli avvengono.
    Il tuo blog è simpatico, ripassa da me se ti fa piacere.
    Luana

    RispondiElimina
  4. Grazie Luana, mi rassicuri. Passerò volentieri ancora dalle tue partie e tu, ovviamente, sei la benvenuta qui.

    RispondiElimina
  5. MarioPellacani19 ottobre 2009 01:11

    poi fatemi sapere, attendo fiducioso la rivelazione del miracolo

    RispondiElimina
  6. Ciao,
    grazie per essere passata a leggere il mio blog. Se ti può consolare, il problema sonno credo che noi non lo risolveremo mai e, mentre prima almeno figlia professionista almeno mangiava, ultimamente nemmeno quello! Ma dove la vendono la pazienza?
    Però una piccola soluzione per la pappa io l'ho trovata e ha proprio a che fare con Tinky Winky . Le piazzo davanti un bel televisore accesso con una magica puntata dei Teletubbies, e lei, rapita da cotanto splendore, ingoia tutto senza fare storie. Ora io lo so che tata Lucia inorridirebbe anche davanti a questa a soluzione, ma dopo una settimana di rifiuto del cibo mi è sembrata un'ottima idea. Tata Lucia, ti giuro che lo faccio solo quando è strettamente necessario alla sopravvivenza.

    RispondiElimina
  7. Mia cognata ha avuto lo stesso problema con il suo pulcino, che ha 22 mesi e da questa estate ha iniziato a rifiutare il cibo ad eccezione del latte. La cognata era disperata e da un paio di settimane ha ottenuto quanto segue. Le uniche cose che il pulcino accetta di mangiare sono i bastoncini di pesce, le cotolette, le patatine fritte, la pizza, le merendine, i gelati, la cioccolata e le caramelle. L'unica cosa che posso dirti è di non cedere, come ha fatto mia cognata, ai suoi ricatti, perché altrimenti finisce che vorrà mangiare solo leccornie e tu, pur di vedere il piatto vuoto, acconsentirai ai suoi capricci.
    mammasidiventa

    RispondiElimina
  8. @Mario:quel giorno sarò miliardaria!

    @6: bell'idea quella dei Teletubbies, ma ancora non è così rapito dalla tv...

    @mammasidiventa: no, cerco di non cedere ai suoi capricci, ma qui l'anoressia incombe!

    @aspirantemamma: lui mangia da solo, ma le quantità sono le stesse ahimè!

    RispondiElimina
  9. noi non abbiamo mai avuto grossi problemi con il cibo, ma abbiamo scoperto che non era tanto quello che era presente nel piatto, ma come lo si proponeva, a fare la differenza.
    Mi spiego meglio: se dicevamo "Bimbetta, è pronto in tavola, vieni a mangiare!" l'uso dell'imperativo e dell'ordine implicito potevano portare disagio e "sciopero della fame".
    Se invece dicevamo: "E' pronto da mangiare, mamma e papà hanno fame e quindi vanno in cucina. Se hai fame anche tu, sappi che in cucina ti aspetta questo cibo. Se lo vuoi è lì che ti aspetta, altrimenti fa niente, ma sappi che non ci sarà altro cibo fino al prossimo pasto! Scegli tu!", allora era tutta un'altra storia. Forse si sentiva autonoma nela sua scelta.
    Potrebbe giocare a vostro favore anche farlo sentire parte integrante della scelta di cosa mangiare: tu gli dai 2 opzioni "Piccè, oggi prepariamo da mangiare questo o quello?", che sembra scelga lui, ma in verità hai preventivamente scelto tu.

    E comunque, sempre serena. Ma sinceramente serena, che tanto di fame non muoiono. Perché ste creature captano l'ansia che emani e se ne appropriano subito per tenerti in pugno e farti purgare chissà quali cose.

    RispondiElimina
  10. In effetti i bambini capiscono molto presto come devono comportarsi per averci in pugno....
    Ciao!

    RispondiElimina
  11. @Julalla: infatti ne ironizzo perchè nemmeno per me il cibo è un problema, se hai fame mangi, se no mangerai! L'ho sempre vissuta con tranquillità, solo che questo è ostinato...avrà preso da suo padre:))) scherzo..
    @diamanteviola: hai proprio ragione!

    RispondiElimina
  12. @mammadicarlo:scherzavo, ovviamente! I dentini li ha quasi tutti...ma lui è proprio schizzinoso, sono pochi gli alimenti che gli piacciono e anche quelli non lo fanno impazzire.

    RispondiElimina
  13. ah. ma sei la famosa Fujiko! ecco che mi sembrava averti già sentita :-)
    grazie del passaggio sul blog... e... non posso esserti d'aiuto (lapulce ha solo 8 mesi e mezzo) ma... hai provato a dare un'occhiata al libro di BERRY BRAZELTON? lo sto leggendo adesso e identifica molto bene cause e tappe di crescita con conseguenti problemi di "rivolta"... sia mai che sia di aiuto più di Estivill :-) 

    a presto. silvietta

    RispondiElimina
  14. ilmaredentrome21 ottobre 2009 08:15

    può anche essere solo una fase (chessò i dentini nuovi, le gengive doloranti, il cambiamento di stagione, il freddo ecc..), magari cambiando un pò qualche ricettina e facendogli assaggiare qualche novità tutto può cambiare!

    RispondiElimina
  15. ehi ragazza, ciao, non farlo piangere, niente torture né danza della pappa, solo tanta pazienza e pian piano riconoscere i cibi giusti cioè le cose che gli piacciono di più, poi crescendo imparerà a mangiare anche il resto, è un processo lungo e richiede pazienza, anche la Pupa a un certo punto mangiava quasi solo latte, ora ha quattro anni e ne siamo fuori ma non sarà mai una mangiona, mi raccomando: non ti ossessionare e non fare vedere al bimbo che ti ossessioni, un pediatra giustamente mi diceva "nessun bambino è mai morto di fame nei paesi sviluppati", e non ti preoccupare nemmeno delle supposte carenze alimentari, ci vogliono ANNI di cattiva alimentazione per avere dei danni, stai tranquilla, tutto passa, anche questo, fidati. Ah! ricordo che la Pupa mangiava volentieri solo davanti a uno specifico libro sui cuccioli, ora per convincerla quando non ha voglia fingo che il cibo sia animato: "Ti prego! Sono un raviolo! Accoglimi nella tua pancia" e mi inventerei anche dell'altro se questo non servisse, ma cerco SEMPRE, sempre, sempre di riderci sopra e ti invito caldamente a fare altrettanto, un abbraccio!
    erounabravamamma.blogspot.com

    RispondiElimina
  16. mammadicarlo: grazie mille!
    ilmaredentrome: può essere...staremo a vedere cosa succede.
    Paola: hai ragione, niente panico! No, sono piuttosto tranquilla, un po' anche perchè mio suocero, che è medico, mi tranquillizza molto, per fortuna!

    RispondiElimina
  17. I commenti non riesco a leggerli ma te l'avranno giù detto: il signor E. ha scritto anche "Fate la pappa" o qualcosa di simile.
    Però magari, come per la nanna, esiste qualcosa di più soft, vai in libreria o su IBS e cerca.
    Per la nanna straconsiglio "Facciamo la nanna" o "Genitori di giorno e di notte", per la pappa non saprei perchè non ne ho mai avuto bisogno.
    Ma mi informarò.
    Una bbraccio Ari.
    Silvia

    RispondiElimina
  18. Passa da me, c'è un regalino che ti aspetta...
    mammasidiventa

    RispondiElimina
  19.  ma che premiarlo! io ho tre nanacci. se non avevano fame saltavano e niente "tatte".
    al pasto dopo dovevi vederli, sembravano maiali nel truogolo. il vero premio è vedere te, grande e grosa, in sua balia, che strippi e gli fai la danza della pappa. 
    sicuro che se vai avanti così ti cresce un anoressico con le manie di onnipotenza. lascialo senza cena un paio di volte, e vedi come riga dritto....

    RispondiElimina
  20. Clearcross: benvenuta!! Sono state più le volte che è andato a letto senza cena e la mattina dopo...niente, come non fosse accaduto nulla! Allora ho dovuto ascoltare un po' la pediatra e assecondarlo in alcune cose, ma mi VENDICHERO'  quando sarà grande!!! :-)

    RispondiElimina