sabato 3 marzo 2012

Il professor 'sti cazzi

Chiunque possieda un titolo di studio ha incontrato almeno una volta durante la sua carriera scolastica un professore 'sti cazzi.
Il professore 'sti cazzi sta all'insegnamento quanto Fabrizio Corona sta al codice civile.
Il professore 'sti cazzi si abbatte implacabile come una scure sul tuo ego, è diserbante per la tua auotostima.
Nulla esula dal suo programma: "mi parli della alfa 1 antitripsina".
"L'alfa 1 antitripsina è una glicoproteina..."
"Vada avanti, salti i preamboli!"
"Il deficit di questa glicoproteina..."
"Sì, va bene, mi disegni il dominio transmembrana.."
"'sti cazzi!" Non lo dici, ma lo pensi, ovviamente.
Il professore 'sti cazzi  ti incalza con le domande in modo compulsivo e tenace. Unico obiettivo: abbatterti.
"Mi parli del ruolo di Francois Raynouard nella filologia romanza".
"Mi, scusi, ma è un esame di patologia molecolare questo..."
"Signorina (signorina 'sta cippa) un medico non può non conoscere la filologia romanza".
Perchè, sappiatelo, il professor 'sti cazzi  è fermamente convinto che un medico debba essere  onnisciente, che le sue conoscenze debbano spaziare dalla medicina, alla fisica, passare per la chimica industriale e finire con un excursus nella cazzarologia.
E lì, quando ha capito di aver aperto un varco nella tua ignoranza, lui gongola, schiuma di rabbia, si straccia le vesti, si colora di verde in uno stravaso di bile orgiastico e grida a voce alta godendo nell'umiliarti.
Lo studente dalla lacrima facile non è altro che il corollario del suo operato.

La sua carriera giunge al culmine quando, dopo aver sparato ogni cartuccia, spiazza l'avversario con normative accademiche del tutto inventate, con lo scopo di seminare panico e terrore.
"Da oggi tutti quelli che hanno i capelli biondi non possono sostenere l'esame il giovedì".
E' serio nell'affermare i suoi deliri, ed è lì che capisci che l'unico modo di passare l'esame è quello di impallinarlo con una cerebottana di anestetico.
E voi ne avete incontrati di professori così?

10 commenti:

  1. Lo sai che mi sa di no! di certo mi ricorderei un essere odioso :)Ho avuto il professore mummia, il professore figo, il prof completamente fuori capoccia e quello che ho adorato talmente tanto da invitarlo al mio matrimonio...ma quello sti cazzi mi manca!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, Laura ti sei persa poco!! Meno male.

      Elimina
  2. La mia prof di filo al liceo...! Ma qualcosa deve averlo fatto scattare. Quando mi sono laureata in filosofia con la lode gliela volevo spedire in forma di supposta... Ma era tanto piena di sè che non credo se ne sarebbe resa conto..

    RispondiElimina
  3. e come no? era un "assistente" 50enne di filosofia del diritto, che aveva preso il posto del prof titolare solo per quella sessione, perchè il suddetto prof si era fatto venire un infarto un paio di giorni prima lasciandoci orfani. Per giunta non conosceva la materia ed era ignorante come pochi. Io avevo già un 30 sullo statino, avendo sostenuto l'esame con altri assistenti, lui doveva solo farmi l'ultima domanda per la lode. Rispondo in modo esatto, lui ha da ridire, continuo a sostenere la mia tesi e propongo di controllare il libro, lui inventa la regola che in sede d'esame è vietato in caso di disaccordo tra prof e studente consultare i testi per dirimere la questione, mi strappa lo statino e mi mette 28. Queste io le chiamo teste di biiiip. alla fine non solo avevo ragione io, ma ora che siamo colleghi (entrambi avvocati) so che in tutto il tribunale viene considerato non solo una gran testa di biip, ma anche ignorante ed impreparato come pochi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le teste di biip si fanno riconoscere sempre, di solito non sono buoni professionisti, quando si è pieni di rancore è difficile esserlo.

      Elimina
  4. sono i classici complessati o rancorosi con se stessi o con la vita...e che si sfogano sugli altri!

    RispondiElimina
  5. ciao Arianna, ti leggo sempre e qua vorrei dire modestamente la mia... anche io come bipiccola mi sono trovata non tanto di fronte a esticazzi ma di fronte al testa di beeep! esame di storia della filosofia, sessione scorsa: io, lavorando, mi ero presa il giorno libero per sostenere l'esame che, orale, si sa quando inizia ma non si sa quando finisce, e sia mai che tu ti possa accordare con il testa di beep! per farla breve, quel giorno ci aveva detto che avrebbe interrogato tutti, quindi con calma aspetto il mio turno.. salvo poi arrivare alle cinque a dire che no, da me in avanti ci avrebbe interrogato il giorno dopo... alla mia domanda "ma io ho preso un permesso per oggi, e a quest'ora non me lo danno per domani, per favore mi interroghi oggi" lui con quel viso contrito da str.. stitico mi ha detto "eeeeehhhhhh ma non ce la faccio proprio........ venga domani alle otto" (peccato che alle otto inizio a lavorare, a differenza sua). morale, esame rinviato al ventiquattro aprile. mavaff..
    buona domenica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il professor 'sti cazzi ODIA lo studente lavoratore: lo pone di fronte alle proprie incapacità, non regge il confronto.

      Elimina
  6. O_o da questo breve confronto emerge un dato davvero inquietante. i prof esticazzi o teste di biip insegnano nell'ordine:
    -filosofia al liceo
    -filosofia del diritto
    -storia della filosofia

    meditate gente, meditate ;) :DDDDDDDDDD

    RispondiElimina
  7. Come no? Professore di storia moderna (che ha avuto un infarto il giorno del mio esame, quindi esame sostenuto con un altro... ne parlo con tanta tranquillità perchè ancora campa e ancora semina panico), professoressa di antropologia culturale dal marito famoso (mi ero ripromessa che dopo la laurea sarei andata ad una sua lezione per mandarla a **** in ****, ma ormai ho di meglio da fare), la professoressa di letteratura inglese (che aveva qualche problema a pronunciare nomi difficili e del tutto sconosciuti tipo Shakespeare e Chaucer). Forse è per scoraggiatori simili che ho impiegato un sacco a laurearmi, ti fanno passare proprio la voglia di studiare.

    RispondiElimina