giovedì 5 agosto 2010

Nascita del micrognomo


Caro micrognomo, sei arrivato tra noi finalmente, e hai deciso di farlo con due settimane di anticipo, proprio il giorno in cui il tuo adorato papà discuteva la tesi.
Non ho potuto presenziare alla discussione, trascorrendo l'intera giornata al pronto soccorso a causa di una terribile orticaria di probabile origine gravidica che, non solo mi costringeva a grattarmi come un'appestata, ma mi dava quell'aspetto attraente tipo Pimpa che non dimenticherò più.
Ricordi quando ti dissi che non avrei gradito altre sorprese fino al termine della gravidanza? Ecco, forse in quel momento eri distratto...

Subito dopo l'induzione sono partite le contrazioni, inizialmente blande e poi via via sempre più intense in un crescendo regolare. Quando sono divenute ritmiche nel tempo, ho allertato l'ostetrica: attenzione, voglio l'epidurale!
"Sei dilatata di 2 cm circa, considerando che è il secondo figlio, meglio andare in sala travaglio".
Ok, mi rilasso, il dolore è piuttosto intenso, ma mi consolo, tra poco l'analgesia lo allevierà.

Entro in sala travaglio alle 00.10, chiamano l'anestesista al telefono, tra poco arriverà. E poi il delirio: le contrazioni non mi danno tregua, sono forti e senza pause.
Inizio ad agitarmi: dove cazzo è l'anestesista? Guardo l'orologio sono passati solo cinque minuti.
Vedo le facce allarmate delle ostetriche, ad un certo punto realizzo che il travaglio procede velocemente e non ci sarà tempo per la santa punturina: inizio ad imprecare, stringo forte il braccio di non-so-chi, mi dispiace ma è la prima cosa che ho trovato.
"Non so se svenire, vomitare o morire" chiedo delirando.
Intanto abbassano velocemente il lettino, arriva la ginecologa, si vestono col camice verde. Ohi, ohi, qui ci siamo, penso.
"Spingi" mi dicono.
"Non spingo finchè non arriva l'anestesista!" grido loro.
"Arriva, ma tu intanto spingi, con due spinte nasce" mi risponde l'ostetrica.
"Non sono capace di partorire senza epidurale, non ce la faccio" piagnucolo.
"Solo due spinte e il tuo bimbo nasce"
"No, voi mentite, dite sempre così, ci vorrà ancora un'ora, non ce la faccio" mi impunto.

E poi l'istinto, la necessità di spingere, una spinta, due spinte, la testa è fuori. Terza spinta ed esce il corpicino di Tommaso. Sono le 00.38.
La vita è un miracolo che ogni giorno si rinnova.

Un rignraziamento particolare alle ostetriche e ai medici dell'ospedale  S. Orsola di Bologna: persone che svolgono il loro mestiere con competenza e passione.


 




 

8 commenti:

  1. che emozione leggere del parto! e adesso Tommaso come sta? il rapporto tra i due fratellini? sai sono molto interessata a questo argomento, dato che tra qualche mese sarò nella tua stessa situazione. un bacione, erika

    RispondiElimina
  2. Che emozione!!! E che fortuna! Per una volta le ostetriche hanno avuto ragione ed è nato velocemente!!
    Congratulazioni! E benvenuto al tuo piccolino!
    Roberta

    RispondiElimina
  3. Diamanteviola6 agosto 2010 14:14

    Anche il mio secondo parto è stato molto rapido...PIC! Già fatto?

    RispondiElimina
  4. Che meraviglia! E' andata proprio di lusso, direi.
    :D
    mammasidiventa

    RispondiElimina

  5. ben arrivato, piccino.
    ben allargata, famiglia!

    RispondiElimina
  6. Grazie a tutti! A presto con il nuovo post.
    Il fratellone sta reagendo benissimo, è davvero un bravo ometto.

    RispondiElimina

  7. Posso augurarmi il tuo parto? Sì, me lo auguro... anche se col pupetto podalico e con un cesareo alle spalle non penso che sia tutto così semplice... ma ci spero lo stesso.
    Io attendo il post del rapporto tra i due fratelli!!!!Auguroni di nuovo Ary!

    RispondiElimina
  8. era tantissimo che non passavo di qua..
    augurissimi Ary, 
    e benvenuto al tuo piccolo Tommaso (che anche il mio si chiama così) :-)
    e.

    RispondiElimina