martedì 28 aprile 2009

Pre e post parto

Non  c'è che dire, niente come la maternità è in grado di cambiarti la vita. Fujiko, quando udiva queste parole prima di partorire il piccolo gnomo, faceva spallucce, guardava con commiserazione il suo interlocutore, certa che per lei sarebbe stato tutto diverso.


Non negate, l'abbiamo fatto un pò tutte.


Aveva i suoi precetti pedagogico-educativi: non dormirà mai nel lettone, nessuna ansia quando piange, anzi, per un pò di pianto non è mai morto nessuno, non cedere ai capricci, deve abituarsi a dormire in mezzo al rumore, la mia vita continuerà come prima e altre 700 perle di saggezza che per decoro vi risparmio.


Ovviamente era una seguace di Estivill, il nazista della nanna, il quale vi insegna a non cedere di fronte al vostro nano tiranno e furbetto , venuto al mondo per mettere alla prova la vostra pazienza.


Guardava con leggerezza al baby-blues certa che a lei non sarebbe mai capitato.


Il giorno dopo la dimissione dall'ospedale Fujiko ha iniziato a piangere più del piccolo gnomo, contagiando con il suo piagnisteo anche sparapulci, e questo era solo il preludio per il crollo del suo castello di carta.


Ha dormito per 40 giorni con il nano sul divano perchè era l'unico posto che il piccolo pareva apprezzare.


Passata la quarantena, Fujiko e Mr G si sono un pò ripresi e hanno caparbiamente tentato l'applicazione del metodo nazista, con il solo risultato che il piccolo ha pianto ininterrottamente tutte le sere per ben sette mesi.


Allo scoccare dell'ottavo mese, Fujiko in vacanza  non poteva far piangere lo gnomo, pena l'espulsione dall'albergo, cosicchè ha provato a tenerlo in braccio e dopo venti secondi, il furbetto-maleducato si è placidamente addormentato.


Inutile dire che il libricino di Estivili giace in fondo al mare in una nota località balneare e che l'unico precetto ancora in vigore è che" i metodi educativi vanno applicati tenendo conto del contesto educativo specifico", che tradotto vuol dire fate un pò come vi pare, l'imperativo è sopravvivere!




22 commenti:

  1. Dopo aver letto ciò mi viene un p odi paura all'idea di fareun figlio.. Io che l'ho sempre voluto e lo voglio ancora inizio d avere dei dubbi ...

    RispondiElimina
  2. Come ti capisco, anche noi dicevamo mai e poi mai nel lettone ... sono due mesi che dorme nel lettone la creatura e a dir la verità sembriamo più spaventati noi all'idea di non averla a portata di coccole che lei!

    Oscar

    RispondiElimina
  3. Nessuna paura, il post è ironico, ma un figlio è la cosa più bella del mondo!!

    RispondiElimina
  4. Oscar, anche io ora lo metto nel lettone quando vado a letto, lui dorme beato nel suo lettino, ma sentire il suo respiro per noi è un ottimo sonnifero!!

    RispondiElimina
  5. concordo in pieno e poi, come dice sempre mio marito, "quando troveranno il fidanzato sputeranno il ciuccio, scenderanno dal passeggino e se ne andranno a dormire nel loro letto".... come dargli torto ;)

    RispondiElimina
  6. Pimpa, concordo in pieno con tuo marito!!

    RispondiElimina
  7. lamammadicarlo28 aprile 2009 15:16

    Estevill ha mai avuto figli secondo voi ? Io mi ritengo fortunata perche' Carlo e' un dormiglione ...e come non potrebbe con due ghiri al posto dei genitori ...:-) la notte tutta nel suo lettino ...ma all'alba e' d'obbligo il lettone !!!!;-)

    RispondiElimina
  8. Estivill secondo me figli non ne ha mai avuti!! O se li ha avuti li ha educati una tata!

    Beata te il tuo Carletto è proprio bravo.

    RispondiElimina
  9. come ti capisco....!!!!!

    cmq sai quel cliente e' veramente un amore ci fa sempre poesie e viene sempre anche se non deve fare la spesa...solo per poterci vedere e salutare

    RispondiElimina
  10. buon 1° maggio

    RispondiElimina
  11. PetitMondDeNina1 maggio 2009 04:15

    che dici? A questo punto io e il signor Nino lo facciamo un bambino????:-D

    Buon primo Maggio!!!!!:-))

    RispondiElimina
  12. Nina, certo che dovete fare un bambino, a patti che facciate come vi pare! Non ascoltate i consigli di nessuno, specie se non richiesti...

    RispondiElimina
  13. Ahahah...anche la mia seconda pargola mi ha fatto fare quaranta giorni sul divano, deve esserci un sottogruppo di neonati che si comporta così!

    RispondiElimina
  14. E' vero Julia, ed è andata bene lo stesso! Ci sono bimbi che non dormono mai da nessuna parte...

    RispondiElimina
  15. grazie..grazie..grazieee

    RispondiElimina
  16. mammaalquadrato4 maggio 2009 15:40

    Quanto è vero. Ciascuno trovi il suo metodo. La sopravvivenza prima di tutto.

    Grazie della visita.

    RispondiElimina
  17. infatti non immaginavo ma sai al momento ci sono rimasta male..

    ciao e buon pomeriggio

    RispondiElimina
  18. ti ringrazio di essere passata nel mio blog... in effetti ogni giorno che passa mi sento sempre più incinta (appena ho tempo proverò a sentire le sensazioni a "pancia" nel vero senso del termine)


    Bello il racconto/verità... ma cavolo mi fai "ben" sperare ehehe^^

    RispondiElimina
  19. haha oddio sembra esattamente quel che ho passato io, da quanto dormivo (dormivo???? cercavo di dormire!) sul divano mi ero dimenticata di com'era bello stare sul mio letto, e ho pianto veramente tanto nel primo mese. ma it keeps getting better!

    grazie x essere passata di linko così torno a leggerti che adoro i blog delle mamme :)

    bacino

    RispondiElimina
  20. ti auguro un buon fine settimana..oggi non ho lavorato ..ma domani si...e di sabato c'e' ne di comiche ihihihihi

    RispondiElimina
  21. ciao volevo dirti come vedevi il mio blog..cioe' se lo vedi chiaro e bene

    RispondiElimina
  22. ma che racconti dai il tuo pimpi è troppo buono


    ciao ciao

    RispondiElimina