domenica 30 agosto 2009

Una sera no

Ci sono sere in cui tutto ti sembra più difficile, durante le quali metti in discussione qualunque cosa.


La maternità è un viaggio stupendo, meraviglioso, che ti arricchisce ogni giorno di dolcezza e di consapevolezza. Però..


Ci sono sempre i però ed i ma. Ci sono sere in cui provi il desiderio di scrollarti di dosso quel senso di responsabilità, di prendere in mano la tua vita, di decidere solo per te stessa.


In questo momento, ad esempio, avrei voglia di una cena a lume di candela in riva al mare, con le onde che si infrangono, con il profumo dei pini marini, con la spensieratezza di chi non ha orari da rispettare.


Questa sera, invece, è tempo di se e di ma. Se fossi più paziente, se fossi meno apprensiva, si riuscissi a concentrarmi meglio, se non avessi sbagliato questo, se avessi fatto meglio quello...


Credo che niente come un figlio abbia il potere di aprire un varco nelle tue insicurezze, di sollecitarti dubbi, di scardinare certezze.


Ci sono momenti in cui non tollero i capricci, i pianti immotivati, l'essere costantemente "pedinata", la pappa sparsa sul pavimento, le raccomandazioni, i no, i "basta". In questi momenti, avrei bisogno di silenzio.


Avrei voglia di amministrare il  tempo solo in mia funzione, fosse anche solo per fare una doccia. Perchè avere figli senza il supporto dei nonni è dura, durissima. In primis per alleggerire il carico delle incombenze, ma anche per quella voglia di condivsione che spesso mi attanaglia, che mi fa sentire la mancanza di mia mamma...


Per fortuna spunta sempre quel sorriso, quella carezza balsamo per le ferite a ricordarti che dopo un po' di autocommiserazione, ci si asciuga gli occhi, ci si stropiccia il naso e si riparte più forti di prima.

22 commenti:

  1. SilviaSacchetti30 agosto 2009 12:52

    Io vorrei che spuntasse anche la mia carezza per te.

    Niente di più umano, vero, ingiudicabile.

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  2. In questa serata, ti sono e ti sento vicina con i tuoi pensieri e le tue sensazioni.


    Ti mando un sorriso.

    RispondiElimina
  3. mammaalquadrato30 agosto 2009 14:46

    Questa sera - ma forse non solo - questo post avrei potuto scriverlo io. Avrei voglia di fermare il tempo per un giorno soltanto...

    Un abbraccio :)

    RispondiElimina
  4. eh. quale mamma non ti capirebbe? ti capisco pure io che l'aiuto dei nonni ce li ho. anche se anche a me manco mia mamma. vabbeh dai lasciamo perdere. pensiamo solo aquelle carezze che ci fanno tornare il sorriso. perchè alla fine i viaggi più introspettivi sono anche i più belli. bacino

    RispondiElimina
  5. Ti regalo un momento di silenzio mentre leggi il mio commento. Anche le altre lo hanno fatto. :)

    RispondiElimina
  6. Il commento precedente era mio...non so perché fossi anonima. E va bè, hai vinto un altro secondo di silenzio...

    RispondiElimina
  7. Ragazze, grazie a tutte, mi avete commossa! Le ho sentite tutte le vostre carezze, le vostre pacche sulle spalle..

    RispondiElimina
  8. ti capisco e ti sono vicina. Un abbraccio :)

    RispondiElimina
  9. Ti capisco benissimo! Prova a pensare che questa è solo una fase transitoria e che ci sono cose che potrai fare solo adesso e che questi sacrifici li hanno fatti anche i nostri genitori...

    RispondiElimina
  10. Tu sei brava e forte ed hai tutta la mia stima.....e se non fossi sempre solo avresti anche quella dei miei amici ma non si può avere tutto dalla vita no??????

    RispondiElimina
  11. ilmaredentrome31 agosto 2009 15:09

    un piccolo angolo di pace e serenità nel quale andare a rifugiarsi per ricaricarsi o semplicemente per sè stessi. Ti capisco, hai reso pienamente le fatiche di una mamma che da sola si prende cura dei suoi figli. Ti auguro di trovare un piccolo attimo così, fosse anche solo qualche oretta dopo aver messo a letto il piccolo.... Un abbraccio!

    RispondiElimina
  12. yo fujiko! carino questo blog. ci linkiamo? baci e grazie della visita

    paola

    RispondiElimina
  13. Adesso sono più libera perchè i ragazzi sono cresciuti, ma quando erano piccoli...quante volte avrei voluto un momento tutto per me!!

    Ancora non l'ho dimenticato...un abbraccio!

    RispondiElimina
  14. Hai reso perfettamente l'idea ...questo e' un post universale ...prende tutto quello che le mamme provano ...ma le mamme sono forti ...e come hai detto tu, si asciugano le lacrime e si continua a sorridere perche' loro, i nostri piccoli sono piu' grandi del nostro sconforto !!!!! Un bacione !!!

    Mommyinprogress

    RispondiElimina
  15. Sì, era un piccolo momento di sconforto, di stanchezza. Ma poi passano sempre, ogni tano si sogna ciò che non si ha...e che, a pensarci bene, nemmeno si vorrebbe!

    Paola: ti ho linkata:))

    RispondiElimina
  16. Bene, a te e' passato lo sconforto e stasera e' venuto a me !!! ...Nooo scherzo , son passata per dirti di passare dal mio blog quando hai tempo...ti ho invitata a partecipare a un giochino !!!! Ciao.

    RispondiElimina
  17. briciolanellatte2 settembre 2009 06:34

    Vita e desideri non sempre vanno nella stessa direzione

    RispondiElimina
  18. infatti,

    testa alta e schiena dritta!


    mi raccomando!

    RispondiElimina
  19. oh, quanto ti capisco. Ma che te lo dico a fare, che giassai?


    spero tu riesca ad ottenere molto presto il tuo meritato stop di puro silenzio, godendoti solo il profumo dei pini marittimi.


    E...



    ...a quel punto inizierai a sentire un'incredibile malinconia nei confronti del tuo piccetto, e non vedrai l'ora di tornare da lui.


    ...ma esistono creature più psicolabili di noi donne???

    RispondiElimina
  20. Ti ho lasciato un premio da me, se vuoi... con totale libertà..

    RispondiElimina
  21. spero che ad oggi la malinconia ti sia passata ...

    comunque non sai come ti capisco , e lasciami dire che anche se come me tu avessi i genitori vicini, ci sono momenti in cui ti senti sola e basta in cui nessuno riesce a colamre quel vuoto che hai dentro....

    è possibile che ancora gli ormoni vadano per i cavoli loro?????

    RispondiElimina
  22. Hai proprio ragione!! No, non credono c'entrino ancora gli ormoni...

    RispondiElimina