venerdì 31 luglio 2009

Dal parrucchiere

Nonostante i buoni propositi, Fujiko ha resistito alla tentazione del fai-da-te espressa in un post precedente, e ha deciso di prendere nuovamente appuntamento con la bellezza.


Questa volta si è rivolta al parrucchiere, uscendo, finalmente, con i capelli di un colore che le piace molto, un taglio carino e sopracciglia conformate al suo viso.


E' uscita dal salone con aria spavalda e sicura di sè come solo certe "operazioni" estetiche sanno conferire.


"Non noti niente?" chiedi temerariamente a MrG


"Ah sì, sei andata dal parrucchiere!"


"Non solo!" esclama indignata la nostra. "Non noti le sopracciglia?"


"Ah sì, belle, sono...a sbalzo..." esclama lui accompagnandosi con un imprecisato gesto della mano.


A sbalzo? Caro Mr G, a sbalzo ci sono le tettoie, ci sono i terrazzi, le grondaie e non so cosa ancora la tua mente da ingegnere ti suggerisce, ma non le sopracciglia.


Notte inoltrata.


Mr. G: "Amore, ti volevo dire che ti stanno bene anche i capelli."


"Grazie tesoro, ti piacciono davvero?"


"Sì, falli ancora così" dice il consorte disegnando una linea retta con la mano.


Fujiko stanca ed esausta, decide di non approfondire cosa voglia dire "così".



4 commenti:

  1. Un complimento sull'estetica da parte di un ingegnere vale il doppio!

    RispondiElimina
  2. magari osservava che avevi un taglio a cardamone....:))

    (ps: trattasi di una tecnica di posa delle mattonelle a 45gradi)

    RispondiElimina
  3. lamammadicarlo1 agosto 2009 16:10

    Beh meglio un complimento con deformazione professionale che niente !!!!

    RispondiElimina
  4. @mpax: dici?

    @deank: mi sa che hai ragione...

    @mammadicarlo: giusto, meglio di niente..

    RispondiElimina